Innamorarsi a lavoro: occhio che il capo ti licenzia!

  • 16/10/2013
  • Innamorarsi non si può, almeno non di una collega di lavoro: una ricerca di Bp Academy ha evidenziato come il 73% dei datori di lavoro è pronto a licenziare un proprio collaboratore (uomo o donna che sia) in caso di relazione sentimentale in ufficio. Il 55% ritiene, infatti, che la 'tresca' giocherebbe a sfavore della creatività, mentre il 45% sarebbe disponibile a far cambiare reparto a uno dei due. La stessa ricerca evidenzia come per i datori di lavoro una storia di amore in ufficio rende più nervosi i protagonisti (33%), più distratti (20%), più sospettosi (12%) e meno corretti con gli altri (7%); tra i lati negativi ci sono anche l'incostanza (39%), la cattiveria (34%) e la morborsità (27%).
    Ma come fare per evitare di cadere in trappola' La stessa Bp Academy propone un decalogo per fare in modo che una storia di amore sul posto di lavoro non diventi un pericolo, eccolo:

    1) Se un capo si innamora, deve licenziare subito il partner e dare il buon esempio.
    2) Evita di iniziare una storia con un vicino di scrivania: se non andasse a buon fine, sarebbe difficile avere costanti contatti.
    3) Evitare le uscite capo/collaboratore: una storia di questo genere creerebbe un conflitto di interessi.
    4) Evitate di scambiarvi effusioni in ufficio: dareste un'immagine di voi poco professionale.
    5) Verificate l'esistenza di regole aziendali in materia.
    6) Preparatevi a ciò che può succedere in caso di rottura.
    7) Siate discreti e non spiattellate la vostra storia ai quattro venti.
    8) Evitate di inviare messaggi amorosi dalla vostra mail aziendale.
    9) Non portate i problemi di coppia all'interno dell'ufficio.
    10) Evitate di passare insieme la pausa pranzo o di prendervi ferie e permessi negli stessi giorni.
    Scritto da Bruno de Santis

Per assicurare una ottimale navigazione ed altri servizi offerti, questo sito è predisposto per consentire l'utilizzo di Cookies. Continuando si accettano i Cookies secondo l'informativa consultabile a questo link.