Curriculum Vitae perfetto, come scrivere una lettera di presentazione senza errori

  • 19/07/2013
  • Chiamala lettera di accompagnamento, chiamala lettera di presentazione il concetto di base non cambia: ogni buon curriculum vitae deve essere accompagnato da una altrettanto buona lettera che presenti sinteticamente il candidato: ecco la funzione del documento, che a volerla prendere larga, è un biglietto da visita che regala al reclutatore una buona quantità di informazioni sul giovane candidato. Per quanto spesso sia sottovalutata, la lettera di presentazione ha un ruolo decisamente importante visto che contribuisce a regalare la prima impressione su chi si candida ad una qualsiasi posizione: prima ancora di dare uno sguardo al cv infatti si prende in mano la lettera di presentazione. Ecco perché la sua forma è fondamentale e per questo oggi abbiamo scelto di darti 5 consigli per stilare una lettera a cinque stelle:gli errori di ortografia e di grammatica faranno naufragare le tue possibilità di accaparrarti il lavoro; le motivazioni alla candidatura non possono mai mancare; il formato standard facilmente leggibile semplificherà il ruolo del reclutatore e quindi le possibilità del candidato. Per intenderci è bene che i dati del mittente siano posti in alto a destra, del destinatario poco più in basso a sinistra con l'oggetto e a seguire il corpo del testo non più lungo di 15 righe. A conclusione non puà mancare luogo, data e firma; meglio evitare le banalità e optare per la creatività; deve essere da integrazione al cv e non una sintesi di questo: nella lettera di presentazione dunque è bene inserire informazioni aggiuntive che non compaiono nel curriculum.

Per assicurare una ottimale navigazione ed altri servizi offerti, questo sito è predisposto per consentire l'utilizzo di Cookies. Continuando si accettano i Cookies secondo l'informativa consultabile a questo link.